Wednesday, May 21, 2014

Italy from a Peace Activist's Perspective

At the Roman forum in Rome
It's been nearly six weeks since my last posting, but I have a good excuse: Jill and I have been traveling to Italy and Greece! (See Our trip was so intense that we didn't have much time to post anything except pictures on Facebook. Now that we are home, and my 65th birthday party has taken place, I finally have time to reflect at leisure on what proved to be the trip of a lifetime. I'll probably be devoting a few posts to different aspects of this amazing journey.

For the past few days I have been pondering what to say about my trip to Italy and Greece from a peace and justice perspective since on Friday I will have an opportunity to share my thoughts with my friends at Interfaith Communities United for Justice and Peace. Here are a few reflections:

The Coliseum, which  was funded in 72 AD by looting
the Temple of Jerusalem after its destruction. It was built by
Jews who were enslaved for opposing Roman rule.
Few Christians were martyred here, however: this legend
was made up to justify refurbishing the Coliseum.
First, this trip reminded Jill and me about the fate of empires. Any time you go to Italy or Greece, you see the ruins of mighty empires that no longer exist. “The glory that was Greece and the grandeur that was Rome”—now exist now only in books, and in the memory of those, like me, who love to read about history. Italy and Greece are delightful countries, but they are no longer superpowers.
This is a lesson worth remembering as we seek to dismantle the American empire: it, too, will crumble.  Only the arts of peace, and the God of peace, will last for as long as human beings endure.
One of the enduring legacies of Italy can be found in a little village called Assisi, the birthplace of a man of peace and poverty named Francis.  Located in the midst of the fertile, rolling hills of Umbria, Assisi is especially lovely and peaceful in the spring, when there are few tourists and you can feel the quiet presence of Francis in flowers that grow from the crannies and cracks in old walls. We prayed in the humble Romanesque church where Francis was baptized, and we visited his childhood home—where his father allegedly locked up his God-intoxicated son so he wouldn’t go off on some crazy religious pilgrimage. We saw a statue of young Francis on horseback, coming back from a Crusade, crest-fallen and disillusioned by his first exposure to war. We saw the beautiful basilica built to honor Francis’ memory and house his remains, and savored the irony of its location. When Francis was asked where he wanted to be buried, he said: “Bury me among the thieves and murderers, in unhallowed ground.” And so they buried him not in the Catholic graveyard, but on the edge of town, where criminals were buried. In death as in life, Francis was on the side of the outcasts, the marginalized.
Enrico Peyretti
At Assisi we stayed in a Catholic retreat center called the Citadella Ospitalidad. This center tries to keep alive the spirit of Francis by sponsoring events and conferences focusing on social justice and peace. It was there that I found a book called “La Politica e Pace” by Enrico Peyretti, the controversial leader of the Catholic nonviolent movement in Italy. He is an amazing man, courageous and radical thinker who has spoken out passionately against all forms of violence, including the violence found in the Bible. I wish I had had the time to go to the Italian Peace Research Center (which he founded) and get to know more about Peyretti and his work, but it’s good to know that there is a prophetic peace movement in Italy that’s alive and well. (I plan to write more about him in subsequent blogs: very little about him is available in English.)
We got to spend holy week in Rome and on the first day we connected with the community of Sant Egidio. My Pax Christi friends Father Chris Ponnet and Sister Pat Krommer recommended that we look up this remarkable community which was founded in 1968 by Catholic high school students led by Andrea Riccardi. Over the years it has grown to over 50,000 members in 70 countries. It is devoted to social justice and peace, helping the poor, and fostering interfaith dialogue and cooperation. We worshipped with this community on Palm Sunday in a lovely church on Tiber Island called San Bartolomeo. The priest of this church showed us around and pointed out that this church honors the “new martyrs” to Christianity in the 20th and 21st century—Christians  killed or persecuted in places like East Timor or in Africa or while standing up against Fascism and Communism. Also among the martyrs are “ordinary people” who risked their lives to work for economic development, or to cure disease, or fight corruption. What was remarkable is that non-Catholic were honored along with Catholics. Andrea Ricardi, founder of the Santa Egidio community, described how we are all called to witness to our faith:  “In our time, to resist evil and to resist violence, in faith, in love, poor as we are, ordinary people like us, we can find in ourselves the energy to resist.”
A spiritual highlight of our trip to Rome was seeing Pope Francis during his Wednesday morning audience. Along with 20,000 or so others, we watched the new Pope circulate around St Peter’s Square in his popemobile, waving at the crowds, kissing babies, and looking like a papa. It was an exciting moment. Pope Francis is definitely a breath of fresh air who, like his namesake, cares deeply about the poor. I'd like to end this post with prophetic words from the new pope that are worthy of St Francis:

I encourage the financial experts and the political leaders of your countries to consider the words of Saint John Chrysostom: “Not to share one’s goods with the poor is to rob them and to deprive them of life. It is not our goods that we possess, but theirs.” (5/16/13)

Man is not in charge today, money is in charge, money rules. God our Father did not give the task of caring for the earth to money, but to us, to men and women: we have this task! Instead, men and women are sacrificed to the idols of profit and consumption: it is the “culture of waste.” (6/5/13, Environment)

…If you break a computer it is a tragedy, but poverty, the needs, the dramas of so many people end up becoming the norm. (6/5/13, Environment)

In tomorrow's post, I'll talk about our trip to Andros, Greece, the island where my father was born, and how Christians in Greece are responding to the issues of social justice and peace. See


 “Conflicted Hearts: Orthodox Christians and Socia Sant Egidio:'Egidio

 “Memorial to the New Martyrs”:

Italia dalla prospettiva di un attivista per la pace

Mi è stato chiesto di parlare del  mio viaggio in Italia e in Grecia da una prospettiva di pace e di giustizia . Qui ci sono alcune riflessioni :

In primo luogo , questo viaggio ha insegnato  a Jill e a me  molto sul destino degli imperi . Ogni volta che vai in Italia o in Grecia , si vedono le rovine di potenti imperi che non esistono più . " La gloria che fu la Grecia e la grandezza che era Roma" , ora esistono ormai solo nei libri e nella memoria di chi, come me, ama la storia . Italia e Grecia sono paesi deliziosi , ma non sono più superpoteri .

Questa è una lezione da ricordare , mentre cerchiamo di smantellare l'impero americano : pure esso crollerà . Solo le arti della pace , e il Dio della pace , durerà per tutto il tempo che dureranno gli

Uno dei lasciti immortali d'Italia si trova in un piccolo villaggio chiamato Assisi , la città natale di un uomo di pace e di povertà di nome Francesco. Situato in mezzo alle fertili colline dell'Umbria , Assisi è particolarmente bella e tranquilla in primavera , quando ci sono pochi turisti e si può sentire la tranquilla presenza di Francesco in fiori che crescono dalle fessure e crepe nei vecchi muri . Abbiamo pregato nella umile chiesa romanica dove fu battezzato Francesco , e abbiamo visitato la sua casa d'infanzia , dove il padre avrebbe rinchiuso il figlio da Dio intossicato, così non sarebbe andato in qualche pellegrinaggio religioso pazzo . Abbiamo visto una statua del  giovane Francesco a cavallo , di ritorno da una crociata , abbattuto e disilluso dalla sua prima esposizione alla guerra . Abbiamo visto la bella basilica costruita per onorare la memoria di Francesco ' e accogliere le sue spoglie , e assaporato l'ironia della sua posizione . Quando a Francesco è stato chiesto dove voleva essere sepolto , ha detto : "Seppellitemi tra i ladri e assassini , in un terreno sconsacrato . « E così fu sepolto nel cimitero non cattolico, ma ai margini della città, dove sono stati sepolti i criminali . Nella morte come nella vita , Francesco era dalla parte degli esclusi , degli emarginati .

Ad Assisi abbiamo alloggiato in un centro di ritiro cattolico chiamato Cittadella Ospitalidad . Questo centro cerca di mantenere vivo lo spirito di Francesco con eventi sponsorizzazioni e convegni incentrati sulla giustizia sociale e della pace . E ' stato lì che ho trovato un libro intitolato " La Politica e la  Pace " di Enrico Peyretti , il leader controverso del movimento nonviolento cattolico in Italia . Lui è un uomo straordinario , un pensatore coraggioso e radicale che ha parlato appassionatamente contro tutte le forme di violenza , inclusa la violenza trovata nella Bibbia .(Vedi . ) Vorrei aver avuto il tempo di andare al Peace Research Centro Italiano ( da lui fondato ) e conoscere di più su Peyretti e il suo lavoro , ma è bene sapere che esiste un movimento per la pace profetico in Italia che è vivo e vegeto .

Siamo arrivati
​​a trascorrere la settimana santa a Roma e il primo giorno siamo stati portati alla chiesa di Sant’ Egidio . Chris Ponnet e suor Pat raccomandarono a noi di guardare questa straordinaria comunità che è stata fondata nel 1968 da studenti delle scuole superiori cattoliche e ora è cresciuta fino a oltre 50.000 membri in 70 paesi . Si è dedicata alla giustizia sociale e alla pace , ad  aiutare i poveri , e promuovere il dialogo interreligioso e la cooperazione . Abbiamo adorato con questa comunità nella Domenica delle Palme in una bella chiesa sull'Isola Tiberina chiamata San Bartolomeo . Il prete di questa chiesa ci ha mostrato e sottolineato che questa Chiesa onora i "nuovi martiri"del cristianesimo   cristiani dei secoli  20° e 21°  uccisi mentre resistevano contro il fascismo , il comunismo e le altre forme di oppressione . Ciò che era notevole è che i martiri non- cattolici sono stati premiati insieme con i cattolici . "Ciò che unisce tutti i cristiani ", ha detto il sacerdote , "è il sangue dei martiri . " Siamo stati lieti di vedere questa apertura all'unità dei cristiani , nonché  alla pace e alla giustizia nella bella chiesa .

Un punto culminante spirituale del nostro viaggio a Roma fu l’andare  a vedere il Papa Francesco durante la sua udienza  pubblica del mercoledi mattina. Insieme con 20.000 o altri ancora di più , abbiamo guardato il nuovo Papa circolare intorno a Piazza San Pietro nella sua papamobile , salutando la folla , baciando i bambini , e guardando come un papà . E 'stato un momento emozionante . Questo Papa è sicuramente una boccata d'aria fresca che, come il suo omonimo , si preoccupa profondamente dei poveri.

Abbiamo viaggiato da Roma fino a un'isola delle Cicladi chiamato Andros , dove è nato mio padre. Lì abbiamo celebrato il Venerdì Santo e la Pasqua con i miei cugini , che sono circa 30 , grazie a mia nonna , che aveva 17 bambini . Pasqua è una festa importante della famiglia per i greci e non ho tempo di fare giustizia di quanto  belli e commoventi sono i servizi di Pasqua. L'intera comunità prende parte al servizio del Venerdì Santo , dove  le campane suonano tristemente tutto il giorno e la sera siamo andati alla chiesa dove il funerale di Gesù si rappresenta e il suo epitaffio è

portato  attraverso il villaggio di notte , con le candele accese e acqua di rose sparse tra la folla . Pasqua è stata anche molto commovente : la luce di una candela accesa a Gerusalemme presso la Chiesa del Santo Sepolcro è stata trasportata ad Atene e distribuita a tutte le Chiese ortodosse in Grecia per accendere le candele di tutti coloro che frequentano il servizio di Pasqua di mezzanotte . Vorrei aggiungere che dopo il servizio di Pasqua , fuochi d'artificio si spengono in tutta la Grecia , perché i greci celebrano non solo la risurrezione di Cristo , ma la liberazione della Grecia dalla dominazione turca . In Grecia , la religione e il nazionalismo si fondono in modi che possono essere sconcertanti per i protestanti come noi .

In generale , la Chiesa ortodossa non si attiva  per la giustizia sociale e la pace . I suoi sacerdoti sono pagati dallo Stato e tendono a sostenere lo status quo . Alcuni dei suoi leader sono stati di appoggio al  partito fascista chiamato Golden Dawn. Molti dei greci che abbiamo incontrato sono scettici sul cristianesimo e frequentano servizi principalmente per motivi sociali .
Abbiamo anche incontrato alcuni evangelici Greci , una piccola minoranza considerati "eretici" dalla Chiesa ortodossa . Sì , questa è la parola che hanno usato . Siamo rimasti colpiti come la Chiesa Evangelica Greca raggiunge i senzatetto e poveri di Atene , fornendo non solo cibo, ma le docce e un posto per appoggiarsi . Siamo rimasti colpiti anche dal fervore spirituale di questa piccola setta di cristiani emarginati .

Non ho bisogno di dirvi che l'economia della Grecia è un disastro . L'economia ha subito una contrazione di quasi il 30 % negli ultimi sette anni , e la disoccupazione è oltre il 30% , e non c'è barlume di luce alla fine di questo tunnel buio . I Greci hanno perso fiducia nel loro governo , che è sotto il controllo dell'UE e costretto a seguire un programma di austerità che ha paralizzato l'economia greca già debole . Alcuni anni fa , il movimento dei lavoratori ha lanciato grandi interventi pubblici , senza alcun risultato , e ora solo poche migliaia dimostrano per le manifestazioni del primo maggio .

I Greci che ho incontrato erano molto critici della UE e del governo greco , ma non hanno alcuna idea su cosa fare per migliorare le cose . I problemi economici sembrano intrattabili . Inoltre , milioni di immigrati dal Medio Oriente si sono riversati in in Grecia, hanno aggravato la loro economia . Molti greci sono diventati pieni di risentimento e si sono rivolti ai movimenti anti- immigrati , come la Golden Dawn,

Eppure io ho fede nel popolo greco . Sono incredibilmente resistenti . Nonostante tutto , continuano a tenersi su , e passare un buon tempo .Sono stato ispirato dalla lettura del mio preferito scrittore greco Nikos Kazantzakis , sul cui epitaffio ci sono le parole: "Non mi aspetto nulla , non temo nulla , sono libero . " Voi tutti ricordate l'ultima scena di Zorba il greco , in cui tutti i piani elaborati per diventare ricchi crollano e le due protagoniste sono lasciate sole sulla spiaggia . Il giovane scrittore , che si basa su Kazantzakis , chiede al suo amico Zorba : " Mi puoi insegnare a ballare ? " Zorba ride e i due uomini iniziano a ballare sulla spiaggia . Si tratta di uno dei grandi momenti in pellicola , in letteratura , e nella vita . Questo è esattamente ciò che è successo a Kazantzakis quando ha ottenuto in eredità dallo zio , ha assunto un minatore esuberante di nome George Zorbas , e tutti i suoi piani per una miniera di lignite sono crollati . Questo è lo spirito che mantiene Greci ballare anche nel bel mezzo della tragedia .

Kazantzakis ha creduto che ognuno di noi ha un dio dentro , e dobbiamo essere fedeli a quel dio oppure non abbiamo mai da diventare pienamente vivi .Suono Quakerly ? Forse è per questo che il mio amico Quaker Peter Bien ha tradotto Zorba e ha trascorso la sua vita a studiare e scrivere su di lui .Kazantzakis non era un uomo politico nel senso convenzionale , anche se è stato iscritto al comunismo . Kazantzakis ha scritto ardentemente su Lenin e su Cristo , il Buddha e Nietzsche perché tutti questi uomini erano alla ricerca di libertà : politica, sociale , spirituale . Ecco  ciò in cui  Kazantzakis ha creduto con passione : la libertà . Come si diventa liberi ? Come la società diventa libera ?

Oggi viviamo in un mondo in cui siamo tutti schiavi in una certa misura dalla macchina da guerra e della avidità aziendale . Per diventare liberi , abbiamo bisogno di liberare coloro che sono dediti alla guerra e alla violenza . Abbiamo bisogno di liberare quelli imprigionati dalla povertà e dall'oppressione . E come noi lavoriamo per la libertà, non dobbiamo dimenticare di ballare . Danza, hai detto , la danza ? Sì , la danza .Questa è la lezione che ho portato a casa dal mio viaggio nella mia patria . Anche se l'impero crolla lentamente in rovina intorno a noi , ricordiamoci di ballare. Perché dentro di noi vi è uno Spirito che non morirà mai. 
Oopa !
[My heart-felt thanks to Giorgio Taffon, who corrected my manuscript, and was our guide and friend in Rome.]

No comments:

Post a Comment